Avere una mentalità aperta

il sapore del successo
Il sapore del successo
6 Febbraio 2020
Come cambiare vita
29 Febbraio 2020

Quando si parla di mentalità aperta, per via della professione che svolgo sono portato a considerare tanti aspetti nell’analisi dei motivi per i quali la maggior parte delle persone non ce l’abbia.

Conoscendo come funziona la mente e i programmi che vengono installati al suo interno, sorge spontaneo per me pensare che se oggi una persona non ha una mentalità aperta, la responsabilità non sia completamente sua, in quanto fortemente condizionata nel passato da una lunga serie di fattori.

Questi sono rappresentati dalle persone che l’hanno cresciuta, dall’ambiente in cui ha vissuto, dalle scuole che ha frequentato e così via, tutti quegli aspetti che hanno scritto giorno dopo giorno le pagine del libro all’interno della sua mente, quello completamente bianco solo al momento in cui si nasce. Di conseguenza una persona oggi è il risultato di ciò che ha appreso nel corso della sua vita e della sua esperienza.

Quindi, non mi meraviglia che la maggior parte della gente sia chiusa e radicata fortemente sulle sue convinzioni, pur essendo consapevole che chiaramente si tratti di un limite. 


Quando si inizia ad avere una Mentalità aperta?


Spesso si inizia ad avere una mentalità aperta quando capitano degli eventi, il più delle volte negativi, che fanno prendere coscienza di uno stato d’esistenza non soddisfacente.

A quel punto si va alla ricerca di risposte, ci si incomincia a porre delle domande. E nel momento in cui una mente inizia a lavorare, ponendo dei punti interrogativi su sé stessa, sulla sua condizione attuale e sulla sua vita in generale, vuol dire che sta avviando un processo di cambiamento interiore.

Coltivando questo mutamento, una persona è destinata a modificare pelle da un punto di vista mentale. Da persona chiusa e ottusa si può diventare persona aperta alla conoscenza, al mettersi in discussione e al cambiamento interiore.

Quello che mi chiedo io e che dovresti chiederti anche te è quindi questo: perché aspettare un evento negativo e magari doloroso nella propria vita per iniziare a porsi delle domande?

Perché non iniziare prima questo processo di crescita e di curiosità nei confronti di sé stessi e della vita. Ecco, se prima non sapevi il perché, ora lo sai. Se prima non eri responsabile della tua chiusura mentale, ora lo sei. Scegli tu cosa fare, scegli tu se continuare ad avere la mente chiusa, oppure iniziare ad allargare gli orizzonti, affinché tu possa vedere oltre i limiti che ti sei posto fino a questo momento.

La responsabilità adesso non è più degli altri, ma solo tua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *